Notti in bianco, baci a colazione.

[ovvero, di come mi è tornata la voglia di scrivere]

Sì, ho avuto un po’ di blackout, anche per le letture, anche per la fantasia. Un po’ bloccata.

Trascinata dagli eventi, mi son lasciata trasportare dai thriller (ho letto La via del Male, terzo romanzo della serie di Cormoran Strike; i primi due romanzi della serie di Bones; ho riletto L’Ordine della Fenice e Il Principe Mezzosangue; e finalmente ho comprato e letto Kobane Calling di Zerocalcare)

In poche ore, ho letto la raccolta dei “pensieri” di Matteo Bussola. Quegli stessi pensieri che si ritrovano su FB, su cui tante volte mi son fermata davanti al caffè della mattina, o la sera prima di andare a dormire.

A qualcuno potrà sembrare melenso, zuccheroso, io trovo Matteo Bussola realistico, e ottimista.

Realistico, perché in fondo parla della vita di tutti i giorni, ne parla da papà innamorato delle sue bambine, ne parla da uomo innamorato della sua compagna, racconta le sue incertezze, il mutuo, i soldi, la casa, il domani, e le racconta in modo disarmante, quasi con gli occhi da bambino. E laddove quegli occhi non sembrano più funzionare tanto bene, ecco che una delle sue meravigliose bambine gli rimettono gli occhiali e correggono il suo sguardo.

Ottimista, perché  sì, a volte sembra tutto così bello, ma solo perché chi te lo racconta voglia che tu lo veda così. Matteo Bussola non ti dice “eh sì, che bella vita, va tutto bene”, ti afferma con insistenza ma tra le righe che sì, ci sono i problemi, e sì, non è facile avere una famiglia, tre bambine, e pensare sempre positivo, ma che, forse, pensare tutto al negativo fa molto più male.

Ho da ringraziare Matteo Bussola, perché le sue riflessioni le leggo ancora davanti al caffè o la sera prima di addormentarmi, ma anche e soprattutto perché il suo libro, la sua meravigliosa copertina e i suoi pensieri hanno iniziato a costruire una libreria tutta speciale, per cui posso usare l’aggettivo “nostra“.

Il respiro di tua figlia che ti dorme addosso sbavandoti la felpa. Le notti passate a lavorare e quelle a vegliare le bambine. Le domande difficili che ti costringono a cercare le parole. Le trecce venute male, le scarpe da allacciare, il solletico, i «lecconi», i baci a tutte le ore. Sono questi gli istanti di irripetibile normalità che Matteo Bussola cattura con felicità ed esattezza. Perché a volte, proprio guardando ciò che sembra scontato, troviamo inaspettatamente il senso di ogni cosa. Padre di tre figlie piccole, Matteo sa restituirne lo sguardo stupito, lo stesso con cui, da quando sono nate, anche lui prova a osservare il mondo. Dialoghi strampalati, buffe scene domestiche, riflessioni sottovoce che dopo la lettura continuano a risuonare in testa. Nell’«abitudine di restare» si scopre una libertà inattesa, nei gesti della vita di ogni giorno si scopre quanto poetica possa essere la paternità.

Titolo: Notti in bianco, baci a colazione

Autore: Matteo Bussola

Edizione: Einaudi Stile Libero Extra, 2016, Paperback

 

 

 

 

Annunci

6 pensieri su “Notti in bianco, baci a colazione.

  1. Ho letto anche io questo libro e ne ho scritto una recensione che pubblicherò tra alcuni giorni… Ridevo, piangevo, provavo un sacco di emozioni.
    Non è melenso, è atipico come uomo.
    Però… Per alcuni aspetti l’ho trovato un po’ troppo sognatore…

  2. No io intendo sognatore nelle righe, non tra i pixel.
    Ovvero scrive cose belle ma a volte avulse dalla razionalità
    Esempio: spesso parla delle ristrettezze economiche, ma immagino che dietro al suo successo ci sia anche un riscontro economico…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...