Di albe e ore piccole piccole.

Non facevo l’alba per finire di leggere un libro da tempi immemori. Da quando non azzeccavo più un libro “giusto”. Da quando, soprattutto, me ne mancava la serenità per farlo.

È successo ieri notte, questa notte, questa mattina… oh, insomma! È successo.

Con Il viaggio dell’assassino di Robin Hobb, terzo volume della trilogia dei Lungavista.

Un fantasy poco “canonico” e allo stesso tempo tradizionale.

Magia, draghi, Arte e Spirito il tutto fasciato in descrizioni vivide e luminose. Al punto che senti gli occhi pizzicare, al punto che ti trovi ad annuire e ridacchiare. A estrapolare frasi sul tempo, sulla vita, sulla felicità, come se le sentissi dentro, come se fossero scritte per te.

Grazie Robin Hobb, per avermi fatto fare l’alba.
Per avermi fatto guardare il buio della notte con occhi diversi.
Per avermi fatto innamorare ancora di un personaggio letterario imperfetto, e tanto umano.

E grazie Efi per avermelo consigliato.

La Trilogia dei Lungavista è la prima ambientata nel regno dei Sei Ducati. Protagonista è Fitz-Chevalier Lungavista, un figlio illegittimo del Re che viene addestrato come Assassino di corte. Il suo scopo principale è quello di difendere il regno dalla minaccia dei Pirati delle Navi Rosse.

240359812410028924535141

 

 

 

 

 

 

La Trilogia dei Lungavista: 

Titoli: L’apprendista assassino, L’assassino di corte, Il viaggio dell’assassino

Autore: Robin Hobb

Traduttore: Paola Bruna Cartoceti

Edizione: Fanucci Editore, kindle Edition

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...