La bellezza delle cose fragili.

Ci sono notti in cui non riesci a dormire.

Per il caldo, per i pensieri, per gli attacchi di panico improvvisi.

E ci sono libri che sanno accompagnarti fino all’alba di notti così.

La bellezza delle cose fragili è uno di questi libri. Un libro delicato, un romanzo forte e disordinato su una famiglia, come tante ma unica.

Storie che si intrecciano, padri con pesi troppo grandi, madri che non sanno come comportarsi, e figli riflesso inconsapevole dei genitori.

D’altra parte, lo diceva anche Tolstoj, tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo.

La famiglia Sai è una famiglia felice, o forse no, è infelice in un modo completamente diverso, perché ci si aggiunge il fatto di essere immigrati, di non saper restare.

La storia inizia in Ghana, e intorno al Ghana e alla sua mancanza tutto si sviluppa.

Un intreccio a volte disordinato, confusionario, ma sempre lineare, mai difficile ritrovare il bandolo della matassa. Si segue il filo dei ricordi, degli avvenimenti presenti e passati. E si trova il punto d’arrivo. O forse, solo un nuovo punto di partenza.

La bellezza delle cose fragili finisce di diritto in cima ai libri belli.

Quei libri che ci mettono un po’ a conquistarti, ma quando lo fanno riescono a farti perdere tra le loro righe e le loro parole, fino a farti alzare gli occhi e vedere il cielo  che si colora di rosa e azzurro, e ti fanno pensare di non aver perso per niente la notte e il tuo tempo.

La famiglia Sai non ti fa venir voglia di farne parte, ma ti fa pensare che, sul serio, tutto abbia un perché, tutto abbia una fine, e non sempre alcuni avvenimenti siano negativi, non completamente almeno.

È inutile amare con tanta forza, perché la forza non viaggia, non trattiene, non protegge, non va dove va chi amiamo, non fa da scudo – eppure, quale altro modo di amare è possibile?

Titolo: La bellezza delle cose fragili

Autore: Taiye Selasi

Traduttore: Federica Aceto

Edizione: Einaudi Super ET, 2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...