Midnight in Paris.

Woody Allen è un regista discusso, un autore che divide la critica, e ancora più il pubblico.

Ma Midnight in Paris è un piccolo capolavoro.

Forse è la magia degli anni 20, forse è la magia di Parigi, forse è la colonna sonora che comprende Cole Porter.

O forse è quella piccola capacità di portare sullo schermo nomi noti… Picasso, Hemingway, Scott e Zelda Fitzgerald, Cole e Linda Porter.

I livelli di lettura possono essere diversi, ma quell’amarezza-dolcezza di fondo rimane ben stabile.

E la morale è molto chiara. Come se ce ne fosse bisogno.

Rimpiangiamo tutti il passato, le scelte, un’epoca diversa.

Come se il fatto di vivere in un momento diverso potesse cambiare qualcosa: siamo noi che viviamo la nostra vita, noi che facciamo le nostre scelte.

E sia che siamo nel 2012, sia che siamo negli anni 20, o nella Belle Epoque… A Parigi o in qualsiasi altro luogo, nulla può impedirci di scegliere e di essere ciò che vogliamo essere. 

Annunci

2 pensieri su “Midnight in Paris.

  1. è un film scritto e sviluppato alla Woody Allen. La sua firma è grande quanto Parigi, nonostante lui non compaia.
    Ho messo in lista il libro di Fitzgerald, pur non essendo un amante degli anni 20. Preferisco gli anni 50. :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...